Più siamo, meglio è… Io sono “volenteroso” e tu?

Studio, lavoro, ho tanti impegni... non posso! Scopri invece quanto sia gratificante dedicare anche uno scampolo del tuo tempo libero per migliorare la vita di tutti noi.

La maggior parte dei volontari condivide l’essere celiaci o la celiachia di persone a loro care. Tutti i giorni ogni celiaco deve fare i conti con il non ingerire glutine durante la propria alimentazione. Nonostante i dati annuali sulla celiachia indichino che in Italia siamo ben 210.000 circa (numero delle diagnosi effettuate) in ogni regione i volontari che mettono a disposizione il loro impegno e il loro tempo sono ancora pochi.

Conciliare la frenesia della vita dei giorni nostri, tra impegni di lavoro, di svago e di famiglia, con le attività di AIC non è semplice, ma vi assicuro è fattibile e soprattutto gratificante!

L’auspicio è quello che se saremo in tanti i progetti di AIC potranno essere svolti in molti più luoghi di quelli che riusciamo a coinvolgere adesso, dalla città al piccolo paesino. Conoscere bene e vivere la celiachia in maniera ottimale ovunque non sarà più un utopia. Molti più bambini saranno formati nelle scuole, molti più ristoratori saranno attenti alle nostre esigenze, ci saranno molti più eventi gastronomici e scientifici.

Spesso (faccio l’esempio della mia provincia, ma sono sicuro sia così un po’ ovunque), noi volontari ci ritroviamo ad impegnare anche tre domeniche consecutive in un mese, chi può anche durante la settimana dedica alla causa anche molti permessi a lavoro. Lo facciamo sempre con il sorriso sulle labbra, noi per fortuna siamo VOLONTARI “VOLENTEROSI”, ma molte volte mi chiedo:

  • Perché non potremmo invece condividere l’impegno fra tutti i soci? (Saremo sicuramente in molti di più);
  • Perché non scendere in campo con noi, donandoci anche solo un pochetto del vostro tempo? (AIC siamo tutti noi!).

Far scattare la scintilla del volontariato attivo in qualcuno di voi sarà sicuramente manna dal cielo (a proposito, quella terrena è senza glutine) per le attività che AIC svolge sul territorio; lo scambio di idee ed esperienze fra di noi è sempre la base su cui costruire eventi e nuovi progetti.

Ti andrebbe di essere un volontario attivo in AIC?

  • Mi dispiace, sono impegnata con lo studio… Non posso!
  • Io lavoro, scusami ma rientro troppo stanco… Non posso!
  • Io ho già altri impegni… Non posso!

È facile demandare ciò che già viene fatto da altri perché i frutti del sacrificio dei volontari li otteniamo pure noi, che siamo presi nella nostra vita da altri mille impegni: invece è insieme che si mantiene e si migliora quanto già di importante AIC ha fatto negli anni.

“È l’unione che fa la forza”, “Più siamo meglio è”, non sono semplici modi di dire, ma la realtà dei fatti. La volontà in ognuno di noi non manca mai, bisogna solamente tirarla fuori e rimboccarsi le maniche per la causa, donando anche pochi scampoli del proprio tempo.

AIC siamo noi, AIC ha bisogno di noi,

nuova linfa, nuova generazione di VOLONTARI “VOLENTEROSI”.

Cosa aspetti, contatta la tua segreteria regionale, provaci,

sono sicuro non te ne pentirai!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Andrea Colino

Andrea Colino

32 anni, di Catania, lavora in una azienda che si occupa di arredamenti ed attrezzature per attività commerciali. Da piccolo, anche io facevo le classiche domande da bambini, che mettono in estrema difficoltà i genitori, ma ovviamente le mie erano incentrate sulla celiachia… e allora cosa chiedere se non “per...

I post più recenti

Archivio

Archivi